Nonterritorial, l’esposizione come esperienza. Una Playlist live di mostre che possono essere ospitate in tutto il mondo.

















La Fondazione Nonterritorial è uno studio audiovisivo fondato per facilitare forme esperienziali di produzione ed esposizione dell'arte: un'iniziativa internazionale no-profit che riunisce artisti ed espositori in una rete autonoma, trascendente i confini geografici e le limitazioni imposte dai modelli convenzionali di esposizione e circolazione dell’arte.

Anche se radicali e non scontati, gli obiettivi della Fondazione Nonterritorial sono semplici: creare nuove possibilità per gli artisti, permettendone l’incontro diretto e non mediato con gli spazi espositivi. Vogliamo sviluppare nuovi modelli per il come e il dove della creazione artistica e per quali possano essere i contesti in cui ciò che creano viene esposto e vissuto dal pubblico.

Siamo interessati a generare categorie ed esperienze artistiche ed estetiche inconsuete, che privilegiano l'intangibile rispetto al tangibile: arte che può non essere immediatamente comprensibile come tale secondo gli standard convenzionali o le ordinarie tassonomie, ma che lo spettatore può immediatamente percepire come autentica.

Mentre intendiamo sfruttare al massimo tutti gli strumenti digitali disponibili, compresa un'interfaccia, in via di sviluppo, per attivare e facilitare le relazioni e le comunicazioni attraverso la rete, il nostro intento fondamentale resta rendere possibili relazioni reali, tra persone reali, in spazi reali. Tra questi potrebbero figurare gli spazi espositivi più inattesi: scuole, ospedali, proprietà private di varia natura. Cerchiamo di collaborare con tutti, dagli individui in grado di offrire uno spazio ‘adatto’, ai proprietari di gallerie, ai programmatori di eventi, a intere città.


Partecipazione
Ogni mostra è uno sforzo di collaborazione. Spesso però non viene trattata come tale, e la responsabilità ricade in modo esclusivo sugli artisti. A lungo termine, un simile assetto non può che avere effetti riduttivi sul mondo dell'arte nel suo complesso. L'approccio orizzontale di Nonterritorial segna una rottura con questa tendenza. Infatti, artisti, ospiti, spettatori e collezionisti hanno tutti un ruolo attivo, e Nonterritorial è aperto a chiunque voglia contribuire a questa ristrutturazione.

Noterritorial per gli artisti
L'artista beneficia della lista di spazi che Nonterritorial offre in tutta Europa e oltre, ognuno con il suo pubblico, che crescerà di pari passo al moltiplicarsi delle programmazioni.

Nonterritorial per gli host
Il ruolo dell’ospite è particolarmente importante, essendo proprio gli spazi a costituire i nodi che compongono la rete di Nonterritorial. Una rete in cui possono nascere imprevedibili affinità interculturali, un archivio vivo e in costante crescita, un pubblico transnazionale e nuovi modi per coinvolgerlo.

Nonterritorial per gli spettatori
Poiché Nonterritorial è una piattaforma aperta, i membri del pubblico non sono limitati a una modalità di partecipazione prestabilita. Il ruolo di spettatore può svilupparsi senza soluzione di continuità e prevedere un maggiore coinvolgimento. Gli archivi di Nonterritorial aperti a tutti, e possono essere utilizzati per produrre ulteriori programmazioni, raccogliere opere, ricercare nuovi artisti e nuove scene, e invitare a risposte critiche o artistiche.

Spazi
Non ci sono criteri rigidi per ciò che rende uno spazio adatto per una mostra. Gli spazi di Nonterritorial sono scelti per le loro varie, e a volte ineffabili qualità. Ogni spazio che ospita una mostra entra a far parte della rete di Nonterritorial, del suo pubblico impegnato di artisti, spettatori e collezionisti.

Collaborazioni
Consideriamo la commissione una forma essenziale di partecipazione.




SONIC EXHIBITIONS

Nonterritoriale ha sviluppato il format delle 'Sonic Exhibition’, con l'intenzione di aprire uno squarcio nell’attenzione monopolizzante di cui gode oggi la cultura dello schermo. In un tempo in cui tutto lo spazio pubblico è occupato dalla visione, vogliamo dare spazio all'udire.

Al contrario della distrazione schiacciante cui costringe l’egemonia dello schermo, infatti, l’ascolto si rivela una via privilegia a per la concentrazione profonda.

La Sonic Exhibition è uno spazio interamente dedicato al suono, unico protagonista. Uno luogo in cui immergersi in un ascolto profondo e attivo, configurato in modo da rendere possibile un coinvolgimento contemplativo.

Stiamo costruendo una Biblioteca originale, commissionando opere, sculture sonore e installazioni a diversi artisti che lavorano alle frontiere del suono contemporaneo. L’intento è trasformare un qualsiasi spazio in un’ambiente in cui sia possibile calarsi a fondo nel suono. La Sonic Exhibition reinterpreta lo spazio in funzione di una nuova esperienza culturale, costituita dai tre elementi congiunti del suono, l’atmosfera e il contesto.

Durante ogni sessione, le tracce sono arrangiate per seguire una sequenza temporale specificamente stabilita. E’ una collezione mai ripetitiva di opere acustiche. Cambia e si evolve, introducendo  costantemente nuovi artisti all’interno della programmazione.

CINEMATIC PREVIEW


Abbiamo creato un modo per documentare, digitalizzare ed esporre fisicamente le opere d'arte senza il bisogno di spostare alcun oggetto. La Cinematic Preview è primariamente la documentazione di un'opera d'arte presentata sotto forma di proiezioni video, essa stessa opera d'arte e spazio di "esperienze estetiche".

Forme e immagini sono legate tra loro e mostrate in un flusso, in cui è possibile perdersi e viaggiare, ovunque le immagini conducano. Il flusso cinematografico non crea una narrazione da seguire, ma un solco, uno stato d'animo, un paesaggio aperto, dove non vengono date indicazioni dirette, ma dove è possibile trovare delle coordinate.

La Cinematic Preview è soprattutto uno strumento di trasmissione. L'opera d'arte è un segnale, e la Preview il suo trasmettitore. L'avanguardia tecnologica rende possibile lo spiegamento simultaneo di diverse mostre in diversi luoghi, senza la necessità di spostare alcun oggetto.

Una volta creata, l’anteprima viene poi inoltrata digitalmente all’ospite/spazio designato, dove prenderà la forma fisica della proiezione video. Un singolo contenuto diventa molteplice, poiché si adatta ogni volta alla natura del luogo o dello spazio, ed è presentato in schemi di sequenza mai prevedibili.
 

Nonterritorial Foundation is a non-profit company, registered in England and Wales, company number 12407439, registered office 5 High Street, Westbury on Trym, Bristol, BS9 3BY, UK


Contact ︎